La ricaduta: fase fondamentale del cambiamento

Prochanska e Diclemente nel 2000 hanno scritto Change for Good, andando a definire il cambiamento come una chiocciola/ruota con 6 fasi indispensabili in cui una non è più importante dell'altra, ma in cui soprattutto il fallimento, la ricaduta la fa da padrona.

Solo pochissime persone riescono a concludere la chiocciola in un solo giro (si parla del 5%), tutte le altre devono ripercorrere la ruota almeno 3/4 volte prima di completare il cambiamento.

Vediamo quali sono queste fasi:

Quindi la ricaduta ed il fallimento sono parte del processo.

Quindi tornare all'alimentazione di prima quando si stava seguendo uno schema alimentare preciso, fumare qualche sigaretta quando si stava cercando di smettere, stare sul divano quando ci si stava allenando così bene non deve essere visto come "non riuscirò mai" o "se non sono costante, non avrò mai successo", ma come un passo in più nella direzione del cambiamento effettivo.

E' per questo che i pensieri dicotomici non portano da nessuna parte: ci fanno sentire solo inadeguati e incompetenti, invece il cambiamento a piccoli passi è quello che risulta più duraturo nel tempo e più soddisfacente.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile, cliccando su "Accetto" permetti il loro utilizzo. Informativa Privacy completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi